Reti contro la drosofila

La drosofila è un nuovo parassita che minaccia soprattutto ciliegie, bacche mature e frutti. L’Associazione svizzera frutta ha creato una task-force per sviluppare metodi di protezione alternativi per le piante in modo da ridurre l’impiego di prodotti fitosanitari. L’utilizzo di reti attorno agli alberi è particolarmente efficace.

Reti contro la drosofila

La drosofila è stata introdotta in Svizzera nel 2011. Tramite un pungiglione, le femmine forano la buccia dei frutti sani e depongono le uova all’interno. Dalle uova nascono larve che mangiano la polpa del frutto. I frutti colpiti marciscono e diventano immangiabili. La drosofila minaccia tutte le bacche e i frutti maturi tra cui fragole, lamponi, more e mirtilli nonché ciliegie, pesche e albicocche. La lotta contro questo parassita è difficile e genera costi elevati. La drosofila si moltiplica velocemente e le larve restano ben protette all’interno dei frutti maturi.

Una task-force elabora metodi alternativi per la protezione fitosanitaria

Il 2014 ha dimostrato purtroppo che in caso di infestazione estesa è estremamente difficile proteggere le colture dalla drosofila. Il settore della frutta e delle bacche, in collaborazione con tutti gli attori della pratica, del commercio, della consulenza, dell’esecuzione e della ricerca, ha quindi creato una task-force il cui scopo è sviluppare nuove strategie di lotta per le colture di frutta a nocciolo e bacche nonché per i vigneti. La ricerca, sostenuta dai servizi di consulenza, verifica l’efficacia di misure preventive così come l’effetto protettivo di reti e altre barriere artificiali. Le trappole sono state ulteriormente ottimizzate nell’ambito della coltivazione delle bacche e attualmente è in corso una verifica per stabilire se queste tecniche sono attuabili anche per frutta a nocciolo e uva. In futuro verranno eseguiti test per migliorare il grado di efficacia delle esche.

Al via i test per l’impiego di organismi ausiliari

A lungo termine, il settore vorrebbe riuscire a sfruttare appieno i nemici naturali della drosofila come le piccole vespe parassitoidi per una migliore protezione fitosanitaria. Grazie alle iniziative dei produttori in stretta collaborazione con la consulenza, la ricerca e il commercio, è stato possibile attuare queste misure così efficaci. Grazie a queste iniziative e al loro impiego nella pratica, è possibile migliorare le strategie di lotta e sviluppare nuovi metodi sostenibili per far passare la voglia alle drosofile di attaccare i frutti.

Ecco le più importanti misure di protezione e accompagnamento che i produttori impiegano con successo:

  • L’impiego di reti previene l’insediamento degli insetti e attualmente è il metodo più sicuro per prevenire le infestazioni.
  • Prevenire e mitigare l’aumento della popolazione di drosofile il più precocemente possibile ad inizio anno offrendo il numero più ridotto possibile di opportunità di moltiplicazione (misure igieniche, gestione del raccolto, trappole).
  • Le colture vengono sorvegliate per sapere se sono infestate dalla drosofila (sorveglianza, controllo delle infestazioni).
  • I prodotti fitosanitari autorizzati in caso di presenza di drosofile nelle colture sono impiegati solo come misura di integrazione e solo in caso di emergenza. La priorità viene accordata a tutte le misure illustrate sopra.

Progetti

Il nostro sito Web fa uso di cookie per migliorare la Sua esperienza personale di navigazione. Utilizzando il nostro sito, dichiara il Suo accordo all’utilizzo dei cookie in conformità̀ a quanto illustrato nell’informativa sulla protezione dei dati. La preghiamo di prendere visione dell’informativa sulla protezione dei dati per ottenere maggiori informazioni su come gestire i cookie e come vengono utilizzati i cookie da parte nostra.